logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation.
banner
About      Faq       Contact     Shop

#forexbreakfast 24 febbraio 2020

Il coronavirus è arrivato prepotentemente in Europa dopo che nel weekend sono aumentati sensibilmente i casi in Italia. Il contagio italiano infatti è al centro dell’attenzione nel vecchio continente perché significativo della capacità del virus di rappresentare un rischio globale. L’andamento delle quotazioni di diverse asset class appare piuttosto anomalo, indicatore che gli investitori potrebbero preparsi ad un rallentamento globale dovuto ad un’epidemia di COVID-19. Gli asset tradizionalmente associati al rischio sono in ascesa, nonostante i mercati azionari continuino a mantenersi su quotazioni elevate. In un contesto di particolare apprensione gli operatori continuano a guardare agli Stati Uniti come paese meno esposto ai rischi globali.

Mercati

I mercati asiatici hanno fatto registrare risultati negativi nella prima sessione della settimana. La preoccupazione per l’aumento dei casi fuodi dalla Cina ha innescato una serie di vendite. L’indice Nikkei della borsa di Tokyo chiude a -0.39%, Shanghai a -0.28% mentre più pensate Hong Kong a -1.71%. Nel vecchio continente invece risulta molto pesante l’apertura di Milano dove i contagi sono schizzati alla cifra più alta dopo la Corea del Sud. Il FTSE MIB di Milano cede oltre quattro punti percentuali. Il DAX di Francoforte apre a -2.6%, il CAC40 di Parigi a -2.62% e il FTSE100 di Londra a -2.14%. Risultati pesanti che rispecchiano un clima di apprensione sui mercati per gli effetti economici che una pandemia potrebbe avere.

Forex

L’ondata di contagi fuori dalla Cina e soprattutto nei paesi limitrofi e in Europa ha contribuito ad innescare una serie di acquisti su asset rifugio, mentre il dollaro rimane piuttosto tonico anche se in arretramento rispetto alle performance delle settimane passate.

EURUSD

Il cambio principale continua a mantenersi stabile in area 1.0825 con un parziale tentativo di recupero della moneta unica questa mattina. Più che in relazione al contesto macroeconomico nel vecchio continente che pare ancora traballante, il recupero sembra legato ad un indebolimento del biglietto verde in avvio di settimana.

USDJPY

Dopo un’apertura in area 111.20, il rapporto tra dollaro americano e yen giapponese ha recuperato leggermente attestandosi in area 111. 45 in apertura dei mercati europei. Il cambio sembra essersi comunque stabilizzato tra la forza del biglietto verde e gli acqusti di yen come asset rifugio anche se le pressioni in vendita sembrano avanzar

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.