logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation.
banner
About      Faq       Contact     Shop

#forexbreakfast weekly focus

Forex
La scorsa settimana è stata condizionata dal prevalente clima risk-off. A dominare la settimana dato il clima è stato il tipico l’apprezzamento delle valute rifugio (franco svizzero e yen) premiate dai timori diffusi di una seconda ondata di contagi. Il pessimismo degli operatori ha maggiormente penalizzato le valute dei paesi emergenti, (salvando solo qualche valuta come il bath tailandese) e le valute legate all’andamento dei prezzi delle commodities. I peggiori della settimana sono stati il “peso” di Colombia, Cile e Messico insieme alla corona norvegese.
Ha ceduto anche il real brasiliano che dopo tre settimane di apprezzamento verso l’euro è tornato a deprezzarsi, non premiato dal clima di incertezza e dalla nuova indagine nei confronti del governatore dello stato del Parà.

EUR/USD
Il cambio ha fatto registrare nuovi massimi sopra 1,14 ma ha interrotto il movimento rialzista che era in atto da tre settimane consecutive. Nonostante il calo di questa settimana le posizioni nette lunghe a favore della moneta unita continuano ad aumentare, a sfavore di quelle sul Dollar index, che sono in calo per la terza settimana consecutiva.

EUR/GBP
Il cambio è tornato a salire nella scorsa settimana, ma senza superare la soglia critica di 0.90. Attualmente gli indicatori non offrono alcuno spunto operativo di rilievo e stazionano su livelli neutrali.
In generale la settimana non ha premiato la sterlina che si è deprezzata sia contro l’euro sia contro il dollaro. A sfavore sono andati i dati macroeconomici, peggiori delle attese e le dichiarazioni dei membri del governo di non volere estendere il periodo di transizione sulla Brexit.

EUR/YEN
Settimana negativa anche per il cambio euro/yen (la peggiore dal febbraio 2018), che ha interrotto la fase rialzista che durava da 4 settimane, dal massimo superiore a 124 il cambio è sceso in area 120. Il movimento a ribasso era atteso in quanto nella precedente settimana si era evidenziata l’eccessività del movimento rialzista.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.