logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation.
banner
About      Faq       Contact     Shop

#forexbreakfast focus commodity 29 giugno 2020

Torna a calare l’indice Bloomberg Commodity (-2,1%), principalmente a causa del forte ribasso del settore energetico trainato dalla debolezza di petrolio e gas naturale.

Pesano sul mercato i timori riguardanti gli stati uniti, in alcuni stati anche se parziali sono state ripristinate le misure di contenimento. Nel settore petrolifero tornano a salire le scorte, e rimbalza la produzione. Il calo maggiore nel settore energetico riguarda il gas naturale, sceso ai minimi da 25 anni, con un calo dell 11%. A pesare su questo dato vi sono le scorte elevate e i timori per la domanda che potrebbe tornare a calare dati gli aumenti dei contagi. Cala anche il gas europeo (-9,1%).

Calo anche per il settore agricolo (-2,8%). A trainare il calo vi sono mais e zucchero, essendo utilizzati nella produzione di etanolo sono sensibili all’andamento del petrolio.

In leggero rialzo invece l’indice industriale (+0,4%). In aumento il rame (+1,9) a causa dei timori riguardati l’offerta del Cile primo produttore mondiale.

Settore migliore della settimana è stato quello dei preziosi (+1.4%); grazie al traino dell’oro.

 

Brent

Per tutta la settimana le quotazioni hanno scambiato sopra i 40$/b. A rialzo i livelli da monitorare sono 45,2$/b e 43,93$/b. Mentre aribasso i livelli da monitorare sono 39,2 e 36,4.

 

Gold

Settimana decisiva per il metallo giallo che va a rompere la situazione che si era formata negli ultimi mesi, salendo sopra i 1775 e chiudendo venerdì sopra tale soglia. La situazione risulta in ipercomprato, cosa non inusuale quando ci sono rotture di questo tipo. Le prossime sedute saranno fondamentali per capire che direzione prenderanno i prezzi. Il livello di resistenza da monitorare è posto a 1800/1815; se superato, la soglia dei 1900 non sarebbe improbabile.

 

Rame

Non arresta la sua corsa e continua a violare le resistenze che si trova di fronte. Superata la soglia dei 5860 e arrivando in zona 6000. il metallo risulta ipercomprato, ma il trend risulta piuttosto forte.

La situazione si complica in ogni caso, intorno ai 6000 passa la trenline ribassista che collega il massimo 2018 con quello 2020. Intorno a 6185 passa la trenline che collega il massimo 2019 con quello 2020. Infine, a 6293 è presente un ulteriore resistenza statica.

Dunque, probabile che possa formarsi un massimo tra 6000 e 6300; gli operatori sarebbero incentivati a prendere profitto dato che è difficile immaginare una salita del prezzo oltre la soglia dei 6300.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.