logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation.
banner
About      Faq       Contact     Shop

#forexbreakfast 10 luglio 2020

Continua a preoccupare la situazione epidemiologica negli Stati Uniti. In due giorni sono stati quasi 128 mila i nuovi contagiati e salgono a più di 133 mila i decessi.

Preoccupano in particolar modo i tassi d’incremento dei contagi e soprattutto l’effetto sui nuovi decessi che tornano a salire.

L’amministrazione Trump ha imposto nuove sanzioni nei confronti di alcune personalità del partito comunista cinese. Le sanzioni sono state mirate verso il segretario di partito dello Xinjiang e altri 25 membri. Gli ufficiali obiettivo delle sanzioni sono ritenuti responsabili di multiple violazioni dei diritti umani contro la minoranza musulmana degli Uiguri.

Sul versante europeo l’incontro tra i vertici europei di mercoledì non ha portato a svolte significative. È stata confermata la volontà di trovare un accordo sul recovery fund entro la fine di luglio.

Giovedì pomeriggio il ministro dell’economia irlandese Paschal Donohoe è stato eletto nuovo presidente dell’Eurogruppo. Donohoe, sostenuto dal partito popolare europeo ha vinto la competizione contro la spagnola Calvino sostenuta dai socialisti.

 

Mercati

Atteggiamento di risk off a partire dal pomeriggio di ieri a Wall Street. L’indice S&P500 ha perso lo 0.56% in chiusura di sessione. Il DOW Jones ha chiuso a -1.39%, mentre il NASDAQ è rimasto in positivo a +0.53%. Negativa anche la sessione asiatica con i principali listini in negativo. L’indice Nikkei della borsa di Tokyo ha chiuso a -1.06%, Shanghai a -1.95% e Hong Kong a -2.12%.

L’avvio della sessione europea è contrastato. Il DAX di Francoforte scambia a -0.17%, il CAC40 di Parigi a -0.37% e il FTSE100 di Londra a -0.33%. Milano invece rimane sopra la parità con il FTSE MIB che scambia a +0.16%.

 

Forex

La giornata di ieri ha visto un generalizzato avanzamento delle valute rifugio sulla fase di risk off sui mercati. Forte avanzamento del dollaro americano e dello yen giapponese, sotto pressione le emergenti.

 

EURUSD

Con le vendite sui mercati a partire da ieri pomeriggio il biglietto verde ha iniziato a flettere i muscoli. Il rapporto tra moneta unica e divisa statunitense ha visto infatti una ripida discesa da area 1.1350 fino a raggiungere 1.1250 e poi rimbalzare in avvio di sessione verso quota 1.1270.

 

USDJPY

Prosegue la fase di acquisto di yen giapponesi. Nonostante il rafforzamento del biglietto verde il cambio USDJPY torna a scendere sotto quota 107.00 attestandosi a 106.80 in avvio di sessione europea. Il clima di preoccupazione sui mercati dovrebbe continuare a mantenere il cambio debole in vista della conclusione della settimana.

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.