logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation.
banner
About      Faq       Contact     Shop

#forexbreakfast focus forex

Due sono state le principali tendenze sui mercati valutari questa settimana. La prima; il rafforzamento dell’euro vs tutte le altre principali valute grazie all’accordo sul recovery fund e alla pubblicazione dei dati macro positivi. Seconda; la debolezza generalizzata del dollaro a causa delle tensioni con la Cina e della situazione epidemica fuori controllo. La forza dell’euro ha avuto effetti positivi anche sulle valute dei paesi vicini.

Il cambio euro/dollaro ha raggiunto quota 1,17. Il trend sembra raggiungere valori estremi, anche se attualmente manca un bilanciamento positivo dagli USA tale da far rientrare il movimento del cambio.

La sterlina è andata in rialzo contro il dollaro ma si è indebolita contro l’euro sulla scia della possibilità del no deal sulla brexit. Secondo il Telegraph il governo si starebbe preparando a un mancato accordo e all’instaurazione di rapporti commerciali con l’unione europea sulla base delle regole del WTO.

Settimana positiva per le valute emergenti che hanno guadagnato terreno nei confronti del dollaro, tranne lo yuan che ha e sta risentendo delle tensioni diplomatiche tra Cina e Stati Uniti.

Ha brillato il real brasiliano sulla scia della proposta del governo di una riforma fiscale.

 

Eur/usd

L’accordo sul recovery plan ha spinto il cambio sopra il livello di resistenza di 1,1630 arrivando a quota 1,17. A penalizzare il dollaro invece le tensioni tra Cina e Stati Uniti.

Gli oscillatori tendono tutti verso l’ipercomprato, il che significa una possibile pausa nel breve termine.

Da monitorare gli eventi per questa settimana per una possibile continuazione del trend verso quota 1,18 e successivamente verso quota 1,2.

 

 

Eur/Gbp

Il cambio è arrivato sopra quota 0,91 sulla scia dell’approvazione del recovery fund e del mancato accordo sulla brexit. Gli oscillatori sia giornaliero che settimanale sono in ipercomprato.

A rialzo la resistenza da monitorare è fissata a quota 0,9149 mentre a ribasso a 0,9.

Eur/Jpy

La scorsa settimana il cambio ha superato quota 123,36 sulla scia dell’accordo sul recovery fund e nonostante il clima risk-off che solitamente favorisce le valute rifugio.

Tutti gli oscillatori segnano l’ipercomprato. Possibile una pausa del trend nei prossimi giorni.

La resistenza da monitorare è posta a quota 124,43. Un suo superamento potrebbe proiettare il cambio verso quota 127

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.