logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation.
banner
About      Faq       Contact     Shop

#forexbreakfast focus commodity (Ita)

La prima settimana del 2021 è iniziata con i cosiddetti “reflation trade”. Ovvero il ritorno degli investimenti sui principali asset globali in scia alle prospettive di fine pandemia per il 2021. I due settori migliori della settimana sono stati quello energetico +6,7% e quello industriale +3,7%. In calo il comparto dei metalli preziosi -4% in un contesto di rialzi sui tassi reali USA.

Uno degli eventi principali della scorsa settimana è stata la riunione dell’OPEC+. È stato raggiunto un accordo sul mantenimento della produzione ai livelli attuali. Rifiatata la proposta russa di aumentare la produzione di 500 000 B/g, anche se potrà aumentare leggermente la propria quota di produzione.

Sorprende invece l’Arabia Saudita che unilateralmente ha deciso di tagliare di un milione di barili la produzione giornaliera (la produzione toccherà così 8,125 mln B/g). il Brent è arrivato a toccare quota 56$ ai massimi da quasi un anno.

Nel comparto degli industriali molto bene il Nichel +6,2% in salita grazie a buoni dati cinesi sul settore auto.

Salito anche il rame +4,7% che ha superato quota 8000. La giornata di oggi invece ha visto lievi prese di profitto sui metalli. Principalmente dovute al nuovo lockdown cinese.

L’oro è calato del 3,2% e l’argento del 6,2%. Hanno risentito del rialzo dei tassi reali usa e del rafforzamento del dollaro.

Buona performance per la soia in salita del 4,9%.

 

Brent

In seguito ai risultati della riunione Opec+ il Brent è salito sopra quota 56.

Al rialzo bisogna monitorare il massimo della scorsa settimana a 56,36. Mentre successivamente la prima resistenza è collocata a 58,26. Un eventuale superamento di questa ultima resistenza potrebbe proiettare il brent verso quota 60.

Al ribasso il primo supporto dinamico è collocato a 51,51. Mentre poco sopra vi è il supporto statico a 52,72.

Gold

L’oro è tornato in terreno neutrale. Attualmente scambia tra la trendline a 1800 e quella che passa a 1700.

Al rialzo vi è la resistenza posta a 1960, mentre al ribasso resta quella a 1807.

Argento

L’argento in scia all’oro la scorsa settimana ha perso oltre il 6%. Le quotazioni sono scese sotto 25.

È importante che l’argento non scenda sotto la soglia di 23,59 altrimenti il target a 30 potrebbe essere messo in discussione.

 

Rame

Dopo una fase di consolidamento il rame è arrivato a superare quota 8000, puntato area 8173.

L’indicatore stocastico è in area di ipercomprato.

Il trend di breve resta rialzista. Il supporto da monitorare è quello in area 7906.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.