logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation.
banner
About      Faq       Contact     Shop

#forexbreakfast focus forex (ita)

Driver principale della settimana scorsa è stato ancora l’andamento dei titoli treasury. Il loro rintracciamento ha portato ad un indebolimento del dollaro, che a sua volta ha data respiro al comparto delle valute emergenti.

Il cambio Eur/Usd dopo aver testato il supporto a 1,1837 ha rintracciato. Nonostante i toni accomodanti emersi dalla riunione BCE. Ancora in calo il cambio Eur/Gbp che per la prima volta da oltre un anno ha chiuso sotto 0,86.

Migliori valute della settimana sono state invece alcune legate alle commodity, come peso messicano, rand sudafricano e real brasiliano. Buona settimana anche per la corona norvegese, il dollaro canadese e il dollaro australiano.

Continua la discesa del cambio Eur/Rub, che dopo aver rotto il supporto a 88,30, sta proseguendo la sua discesa.

 

Eur/Usd

Al momento dopo aver rimbalzato sul supporto a 1,1837, il cambio non è riuscito a superare quota 1,20.

In caso il livello venisse superato, diminuirebbero le pressioni a ribasso sul cambio nel breve.

La prima resistenza al rialzo si trova a 1,12013. La resistenza più importante in zona è poco sotto quota 1,22.

Al ribasso, in caso di una rottura del supporto a 1,1837 si aprirebbe la strada per 1,1756.

Eur/Gbp

Continua la discesa del cambio Eur/Gbp che è sceso sotto quota 0,8623.

Un rimbalzo nel breve è sempre più atteso, visto il forte livello di ipervenduto nelle ultime settimane.

Se il rimbalzo supererà quota 0,8623, potrà apparire come una falsa rottura. Al contrario un rimbalzo di lieve entità minerebbe le speranze di una risalita nel breve.

Eur/Yen

La settimana scorsa il cambio si è spinto sopra quota 130. Per essere confermato però dovrà chiudere la settimana sopra tale livello.

Il trend è ancora al rialzo, ma dagli oscillatori giungono segnali di eccesso.

Eur/Rub

La settimana scorsa il cambio ha rotto la fase di lateralità che durava ormai da diversi mesi. Il supporto a 88,10 è stato rotto. Al momento il target è area 84,32.

Gli oscillatori segnalano una situazione di ipervenduto.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.